Smart & Start
 
Menu  
MiBACT e Invitalia insieme per l’innovazione nell’industria turistica, culturale e creativa
12 aprile 2017

"Il piano strategico del turismo é un importante strumento per indicare le prioritá del settore. Nei prossimi anni l'Italia vedrá crescere fortemente il numero dei viaggiatori, dobbiamo saper governare la crescita: l'investimento sulle start up turistiche é di fondamentale importanza per creare nuove nuove forme di ospitalitá e indirizzare i grandi flussi anche su mete oggi poco conosciute" - ha dichiarato il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini a conclusione dei lavori del Laboratorio #100StartupTurismo, l’iniziativa organizzata dal MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e Invitalia, il 10 aprile 2017 al Museo MAXXI di Roma.

“Il turismo in Italia ha bisogno dei giovani e, quindi, delle startup: di imprese nuove e di nuovi imprenditori che hanno voglia di scommettere nel turismo. Le startup innovative sono il futuro del turismo in Italia, perché svolgono un’importante funzione nella costituzione di un’offerta turistica diversificata, attrattiva e soprattutto in grado di cogliere le nuove tendenze del mercato” – ha aggiunto Dorina Bianchi, Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni Culturali.

Innovazione la parola d’ordine della giornata dedicata alle startup dell’industria turistica, culturale e creativa, il cui obiettivo era individuare le migliori idee e azioni per rendere più competitiva la filiera turistico-culturale e favorire nuove opportunità di collaborazione, crescita e occupazione per le imprese.

“Negli ultimi 4 anni, con le agevolazioni dedicate alla imprese del settore culturale e turistico, Invitalia ha contribuito alla creazione di oltre 2800 nuove imprese e investito 280 milioni di euro di risorse pubbliche. Altri 200 milioni di euro, sempre nel settore turistico, sono stati investiti da Invitalia attraverso 11 contratti di sviluppo, in 4 regioni del Sud: Sicilia, Campania, Calabria e Basilicata” - ha precisato Domenico Arcuri, AD Invitalia.

Anche Francesco Palumbo, Direttore Generale della DG Turismo del Mibact ha sottolineato che “Non è un momento di incontro fine a se stesso ma l'inizio di un percorso che dura 6 anni e che punta coinvolgere tutti gli attori in maniera diretta ed innovativa”.

All’evento era presente anche Dora Di Francesco - Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale (PON) “Cultura e Sviluppo” FESR 2014-2020 che ha precisato: “L’impegno del Mibact a sostegno delle imprese della filiera culturale e creativa ha già dato i suoi primi frutti con il programma di incentivi “Cultura Crea”, che – nell’ambito del PON Cultura e Sviluppo Fesr 2014-2020 - ha destinato 114 milioni di euro alla nascita e alla crescita di micro, piccole e medie imprese e del terzo settore nelle cinque regioni del Mezzogiorno e che vede in corso di sottoscrizione i primi contratti di finanziamento”.

Dai 5 tavoli tematici dedicati a nuovi modelli di business, di offerta turistica, di sostenibilità ambientale, destinazioni emergenti e operatori turistici, sono state votate dalla platea di operatori del settore e stakholder tre proposte vincitrici, che sono state presentate al Ministro.